Wellness

Trasformare La Propria Vita Con Lo Yoga

E ritrovare finalmente la gioia interiore!

Francesca de Luca

Insegnante di yoga e meditazione

Alzi la mano chi, scorrendo la propria Home di Facebook o il Feed di Instagram, non si sia mai imbattuto in qualche immagine spettacolare di yoga! 

Soprattutto in questo periodo, l’offerta di yoga sui social è vastissima e avendo più tempo a disposizione a casa, è facile poter seguire qualche pratica online. 

Il rischio però è di perdersi tra le varie proposte o di scegliere lo yoga come alternativa al fitness, solo per muoversi un po’, dimenticando che si tratta invece di una disciplina a tutto tondo, di cui la parte fisica è solo una componente.

Infatti, le posizioni di yoga, ovvero gli asana, sono solo uno degli aspetti dello yoga, ma non ne rappresentano il fine. Secondo una delle definizioni più popolari, riconducibile al saggio Patanjali e ai suoi Yoga Sutra (Aforismi sullo yoga), lo scopo della pratica è quello di “calmare le fluttuazioni della mente e delle emozioni”, ovvero portarci in uno stato di pace mentale, e a questo scopo non conta quanto sia acrobatica la postura eseguita, quanto piuttosto l’atteggiamento mentale con cui la si pratica e l’attenzione consapevole al respiro.

Ecco dunque 5 cose da sapere sullo yoga per potersi approcciare alla pratica con lo spirito giusto:

1. Yoga vuol dire "unione"

Originariamente questa pratica nasce come via per riscoprire l’unità tra la coscienza individuale (il Sé) e la Coscienza cosmica (la Sorgente universale da cui tutto ha origine, l’Assoluto o il divino, se preferisci),  per superare il senso di separazione che genera sofferenza nell’individuo e ritrovare l’armonia con tutto ciò che ci circonda, con gli altri e con la Natura.

2. lo Yoga coinvolge corpo, mente e anima

Immagina il tempo per la pratica non solo come un momento per ritrovare il benessere fisico, ma soprattutto come uno spazio sacro per riscoprire e armonizzare le varie componenti del tuo essere: corpo, mente, cuore e coscienza.

3. Ad ognuno il suo stile

Non esiste “lo stile migliore” di yoga, ma lo stile più adatto a te oggi, in questo momento della tua vita. Oggi forse sei molto irrequieto, allora prediligi uno stile dinamico; se invece sei una persona più calma, nell’Hatha yoga troverai il giusto equilibrio tra parte fisica e l’aspetto meditativo. Se soffri di qualche patologia, scegli uno yoga “restorative”. Il mio consiglio è di provare varie lezioni, ma poi di scegliere il tipo di pratica che ti fa stare meglio e affidarti alla guida di un solo insegnante.

4. se puoi respirare allora puoi praticare

La qualità del tuo respiro determina la qualità della tua pratica. La consapevolezza costante del proprio respiro non solo rende più efficaci le posizioni, aiutandoci ad ossigenare tutte le cellule del corpo e a sciogliere le tensioni, ma calma  la nostra mente e ci aiuta a vivere più consapevolmente nel momento presente, allontanando le preoccupazioni per il futuro (e oggi ce n’è tanto bisogno!)

5. Il Viaggio è la meta stessa

La fretta è la peggior nemica della pratica: ho visto persone appassionarsi allo yoga tanto velocemente e con altrettanta rapidità mollare tutto. Oppure persone ansiose di arrivare a fare una posizione, fino ad infortunarsi perché il loro corpo non era pronto per “chiudere” quell’asana. la pazienza è la via maestra per il cambiamento: ogni cosa vuole il suo tempo e, tanto a livello fisico, quanto a livello Interiore, cerchiamo di non pretendere una trasformazione repentina, ma goderci ogni passo del cammino.

Se avete voglia di praticare con me, potete seguire il mio canale YouTube, le mie pagine Facebook e Instagram YOGA2live oppure cominciare il percorso “LE BASI DELLO YOGA” a partire da domenica 19 Aprile. Tutte le info a questo link:

http://www.francescadeluca.com/corso-online-le-basi-dello-yoga/

Namaste,

Francesca

FacebookTwitterGoogle+Pinterest0

Lascia un commento